Fai login per aggiungere ai preferiti

PORTABICI PER EBIKE: COME SCEGLIERE IL MIGLIORE PER UNA GITA FUORI CITTA'

Fai login per aggiungere ai preferiti

Sei un appassionato della bici elettrica ma non sai come trasportarla per una gita fuori porta? Scopri quali sono i migliori portabici per la tua ebike.

SCEGLIERE IL PORTABICI PER E-BIKE: PRO E CONTRO

Chi ama veramente pedalare e ha scelto la bici elettrica per muoversi in città scoprendone tutti i vantaggi in termini di benessere psicofisico vorrebbe poterla portare sempre con sé, tanto che spesso finisce per pianificare le proprie vacanze anche in funzione di questa necessità.

Al momento di partire con la famiglia o con gli amici si può dunque porre il problema di dover trasportare la bici in auto e cercare la soluzione più pratica e sicura a questo scopo. Riuscirò a caricarla dentro la macchina o sarà il caso di prevedere l’acquisto di un portabici? E in questo caso, quale modello farà al caso mio?

Se, alla vigilia della partenza per un week end o per una vacanza più lunga, non avete nessuna intenzione di separarvi dalla vostra e-bike e vi state chiedendo quale sia il modo migliore per trasportarla in macchina, siete nel posto giusto.

Nelle prossime righe cercheremo di individuare vantaggi e svantaggi del trasporto della bici nell’auto e le opzioni più pratiche e convincenti se siete orientati sull’acquisto di un portabici.

COME CARICARE LE E-BIKE ALL’INTERNO DELL’AUTO

Soluzione più economica in assoluto, quella di caricare la bici sull’auto non comporta pressoché nessun esborso, visto che l’unica accortezza è quella di proteggere al contempo l’interno della macchina e la vostra bici e che per far questo saranno sufficienti vecchie coperte o, in alternativa, dei teli da bagagliaio concepiti ad hoc ed eventualmente delle cinghie per assicurare che rimanga ferma nelle curve e in caso di brusche frenate.

Da tener presente che difficilmente si riuscirà a caricare la bici senza smontarla, almeno di una ruota o di entrambe.

In questo caso, sono previste diverse possibilità a seconda dello spazio disponibile nell’abitacolo: se togliendo la sola ruota anteriore è pensabile inserirla in diagonale nello spazio ricavato abbassando due sedili, la momentanea rimozione di entrambe le ruote consente di posizionarla in verticale su un lato del bagagliaio abbattendo un unico sedile.

CARICARE LA E-BIKE NELL’AUTO: PRO E CONTRO

Se pensiamo di caricare il nostro mezzo a due ruote all’interno dell’auto dobbiamo innanzitutto tener presente che, mentre una bici tradizionale occupa poco spazio diventando facilmente più compatta, la bici elettrica comporta qualche accorgimento in più.

Ecco riassunti i principali vantaggi di una preferenza di questo tipo:

  • la bici è protetta dalle intemperie durante l’inverno, come pure dai raggi solari in estate;
  • se ben legata, è altresì protetta in caso di incidenti o tamponamenti (le assicurazioni tendono a risarcire di più rispetto a quando la bici viene ancorata al portellone posteriore);
  • si riduce notevolmente il rischio di furti, subiti spesso durante le soste in autogrill o gli stop per il rifornimento di carburante;
  • non essendo compromessa l’aerodinamicità dell’auto, si può viaggiare anche a velocità sostenuta.

Fra gli svantaggi abbiamo:

  • il peso elevato della e-bike non rende molto agevole l’operazione, che diventa un po’ noiosa specie quando include anche lo smontaggio di una o più ruote;
  • caricando la bici in macchina si corre il rischio di sporcare o graffiare gli interni (almeno che non si faccia molta attenzione con coperte e protezioni varie).

CONSIGLI PER CARICARE LA BICI DENTRO LA MACCHINA

Per chi propende per questo rimedio, il consiglio è innanzitutto quello di munirsi di una sacca da bici per proteggere le ruote per evitare che sporchino la macchina e fare in modo di avere sempre con sé una spazzola per rimuovere lo sporco dal telaio. In caso di rimozione delle gomme, per evitare inconvenienti, non dimenticate di mettere i perni passanti dentro il telaio o la forcella e di prevenire i graffi e danni al telaio usando il pluriball da posizionare fra una bici e l’altra

TIPOLOGIE DI PORTABICI PER E-BIKE

Fra i sistemi più diffusi per portare comodamente con sé le proprie biciclette elettriche nel caso non si voglia caricarle dentro la macchina, i portabici da montare sul tetto o dietro l’auto offrono il beneficio di non ingombrare l’auto, visto che permettono di trasportarle fuori dall’abitacolo, ma hanno il limite di esporle a pioggia, vento e sole (nonché al rischio furto) e di richiedere molta attenzione alla guida. Mentre i portabici da tetto si limitano a una sola tipologia, i portabici posteriori offrono sia l’opzione da portellone che quello da gancio/traino.

Ecco come individuare il portabici per e-bike più adatto alle vostre esigenze:

  • Portabici da tetto – Adattabile a quasi tutti i veicoli, ha il pregio di poter essere montato con grande facilità, visto che è composto esclusivamente di barre compatibili da assicurare a quelle portapacchi. Quasi sempre regolabili per adattarsi alle diverse dimensioni delle e-bike e alle ruote di diametro differente, i portabici da tetto esistono di vari modelli, da quelli che si fissano al telaio senza togliere le ruote ad altri che si agganciano alla forcella togliendo la ruota anteriore, e hanno tutti prezzi abbordabili. Al momento dell’acquisto è dunque importante fare una scelta oculata verificando attentamente la compatibilità della tipologia con quella della propria bici.
  • Portabici per e-bike a portellone – Fra i più amati dai ciclisti per la loro facilità di carico delle e-bike come dei modelli muscolari, sono molto pratici da utilizzare perché non costringono a sollevare troppo da terra le bici. Adatti generalmente a due o tre biciclette, non sopportano tuttavia pesi molto elevati e per questo non sono sempre validi per le bici elettriche. Fissati al portellone posteriore mediante ancoraggi e cinghie, i portabici da portellone sono provvisti di parti gommate per non rovinare la carrozzeria, essendo la bici in questo caso generalmente appesa e solo raramente appoggiata sui binari. Attenzione a che le bici non coprano la targa né le luci dell’auto e che non sporgano lateralmente! 
  • Portabici posteriore da gancio traino – Soluzione ideale in tema di portata, sicurezza e stabilità delle bici caricate, i portabici da gancio consentono un montaggio molto veloce grazie a un sistema di sgancio rapido e, prevedendo la replica di luci e targhe, non necessitano del cartello di carico sporgente. Omologati per sostenere il peso dell’e-bike, prevedono di caricarne anche due insieme e possono pertanto considerarsi una valida soluzione per trasportare la vostra bici elettrica all’esterno dell’auto. Spesso dotati di rampa per far salire la bici sui binari senza sollevarla da terra, sono provviste di serrature per scoraggiarne i furti. L’unico svantaggio è quello di essere piuttosto costosi, sia per il prezzo del portabici e per quello della targa da apporre, sia per l’acquisto e l’omologazione del gancio da traino se la vostra auto non lo possiede già di serie.